fbpx

La nostra Pacciamatura Verde!

La Pacciamatura nasce originariamente come tecnica di prevenzione negli orti e nei vivai per evitare che le erbe infestanti proliferassero e quindi per snellire i lavori di manutenzione. Essa prevedeva la copertura del terreno con dei teli, che venivano forati per poter piantare le diverse varietà di ortaggi o piante.

Visto però il pesante impatto ambientale dei teloni in plastica, molti hanno iniziato ad utilizzare dei film biodegradabili.

La Tenuta Castello, invece, da qualche anno ha iniziato a sperimentare una “nuova” pacciamatura, più innovativa e decisamente più GREEN… la pacciamatura verde.

I lavori iniziano già dall’autunno, subito dopo il raccolto, quando sulle stoppie del riso si seminano gli erbai autunno-invernini. Essi sono formati da un mix di 3 erbe: la veccia, il loietto ed il trifoglio.


I nostri prodotti

Riso Carnaroli, Carnaroli Bio, Carnaroli Integrale Bio, Vialone Nano, Venere Integrale, Ermes Integrale e poi le Farine di Mais e Farro in chicchi

LEGGI TUTTO

Visite

Visita all’azienda agricola Tenuta Castello, risaie e antica pileria Trascorri la domenica al Castello di Desana Potete contattarci telefonicamente, via email e tramite modulo richiesta informazioni

LEGGI TUTTO

Veccia

 

Ecco il primo componente della pacciamatura verde..la Veccia! È una leguminosa dallo stelo allungato e con dei bellissimi fiori viola! Viene seminato perché crescendo diventa molto voluminosa e quindi, una volta pressata, permette di ottenere una copertura uniforme del terreno. Con la sua grande massa contribuisce inoltre a creare la giusta acidità nel terreno.

Curiosità: I fiori sono commestibili e stanno benissimo su un bel risotto!


 

La seconda componente della nostra pacciamatura..il loietto! Il loietto italico è della famiglia delle graminacee e si presta molto bene alla trinciatura o pressatura in campo quando si fa pacciamatura verde perché è molto voluminosa e resistente a svariate condizioni climatiche…la seminiamo anche per fare dell’ottimo fieno per i nostri bovini, che ne vanno ghiotti!


Loietto

Trifoglio

 

Terza e ultima componente del mix..il comunissimo trifoglio pratense! Non ha un grande volume, ma quando viene trinciato per fare pacciamatura dà molto nutrimento al terreno. E più nutrimento vuol dire maggior qualità di riso!


Gli erbai crescono per tutto l’inverno fino ad arrivare ad aprile-maggio. Il particolare mix di erbe, rullate e pressate sul terreno già inondato dall’acqua, creano, nei primissimi giorni successivi a questo intervento, una fortissima fermentazione ed una elevata acidità, sia nel terreno e nell’acqua di risaia, che dura circa 5/6 giorni. L’obiettivo è quello di far coricare le alte erbe per creare un manto verde uniforme; con una buona gestione dell’acqua si formerà il giusto livello di acidità e le erbe infestanti, rimaste latenti per tutto l’inverno sotto il terreno, non riusciranno a germogliare e proliferare in campo. Il riso, invece, seminato in acqua al di sopra della “coperta” erbosa, riceverà più luce ed il giusto nutrimento e crescerà forte e rigoglioso. Esso infatti non risente della forte fermentazione perchè prima che il germoglio esca dal chicco passa circa  una settimana.

La gestione dell’acqua deve poi essere molto attenta per evitare che le poche erbe infestanti riescano a crescere, ma nello stesso tempo il riso riesca a germinare.

×